Tutti pazzi per la formazione online

Nell’ultimo anno gran parte della formazione si è dovuta trasformare. Tutte le logiche di quella che prima era una scontata presenzialità hanno dovuto
lasciare spazio alle asettiche stanze virtuali a cui docenti e partecipanti non sempre erano preparati. A inizio pandemia si è creduto che l’ostacolo più grande da superare fosse di ordine tecnologico, ma presto è apparso chiaro che scegliere una piattaforma per l’erogazione di formazione sincrona (tra gli altri GoToMeeting e Zoom), recuperare una webcam e un microfono e iniziare a erogare o seguire formazione, trasponendo banalmente le ore d’aula in modalità on-line, erano questioni tutto sommato risolvibili. Quello che risultava più complesso, invece, era lavorare sulla didattica a distanza (DAD) considerando che otto ore d’aula erano ben diverse dalle otto ore on-line per densità di contenuti, strumenti, livello di interazione e molto altro. Bisogna sottolineare che quando si parla di formazione on-line non ci si riferisce soltanto alla formazione sincrona: esiste infatti anche la possibilità di fruire di contenuti decidendo autonomamente orari e tempi da dedicare alla formazione, con opportuni percorsi di apprendimento. Anche nel caso di formazione asincrona le piattaforme tecnologiche (Docebo, Moodle tra le più note) e gli standard digitali (SCORM e xAPI per dirne alcuni) sono totalmente trasparenti all’utente e permettono di concentrare gli sforzi sulla motivazione, sulla navigabilità e sulla disponibilità di contenuti di qualità.

Clicca qui per leggere l’articolo completo

Scritto da: Team Skilla il 25 Maggio 2021

Compila il form e contattaci,
sei solo a un passo dall’iniziare.

    Ho preso visione dell’Informativa privacy e autorizzo

    contattaci

    Potrebbe interessarti anche

    © Copyright 2021 Amicucci Formazione | P.IVA 01405830439 | Cap. Soc.: Euro 100.000,00 (i.v.) | C.C.I.A.A. (Macerata) | R.E.A. (149815) | Privacy policy | Cookie policy | Etica e compliance