Approfondimenti

Change management: 7 cose da tenere a mente

Change management, lo sviluppo e il successo delle aziende dipendono dalla capacità di attuare e gestire i cambiamenti necessari per far fronte, possibilmente anticipandola, all’evoluzione del contesto competitivo. L’azienda si trova quindi a vivere una duplice sfida: innovare nel rispetto dei valori e della cultura aziendale. L’Osservatorio Assochange sostiene che un’impresa su due in Italia ha avviato al suo interno processi di change management, ma solo l’1% ha raggiunto pienamente gli obiettivi prefissati. Perché? Principalmente per l’assenza di cultura del cambiamento, la comunicazione inefficace e la mancanza di approccio metodologico. Quali sono le fasi per avviare e condurre un percorso di cambiamento?

  1. creare il senso dell’urgenza
  2. costruire il team
  3. definire la meta e comunicarla
  4. sviluppare competenze nuove
  5. prevedere successi nel breve periodo
  6. consolidare i cambiamenti
  7. integrare il cambiamento e ricercare sempre un equilibrio tra innovazione e tradizione.

Ma affinché ognuna di queste fasi abbia successo è necessario sostenerla con attività di formazione e comunicazione in maniera continuativa e innovativa. Non bisogna lasciare nulla al caso: pianificate con cura un progetto che accompagni e sostenga le persone lungo tutto il processo. Pianificazione significa progettare contenuti, risorse, tempi, canali per ogni singola fase. Il segreto sta nel combinare tutto in maniera equilibrata e sapiente. Possiamo scegliere tra eventi, convention, project work, pillole in elearning, tutorial, filmati, cartoon, test, giochi, contest per non interrompere mai il flusso di comunicazione a sostegno di tutto il processo. È necessario però adeguare e innovare anche il linguaggio con cui si comunica il cambiamento. Il nuovo non può camminare su strade e veicoli orami vecchi e obsoleti. Servono creatività, fantasia curiosità e nuovi linguaggi per attirare l’attenzione e suscitare l’interesse prima e il desiderio poi di percorrere nuove strade. E questo perché la cultura del cambiamento nasce dal sentirsi parte di un progetto positivo e dalla sensazione che un mondo migliore possa essere costruito o raggiunto, insieme.

Questa tematica è stata affrontata nel posterLab n. 17: “eLearning per il change management”

Lorena Patacchini

Scritto da: Lorena Patacchini il 5 Ottobre 2016

Compila il form e contattaci,
sei solo a un passo dall’iniziare.

    Ho preso visione dell’Informativa privacy e autorizzo

    contattaci

    Potrebbe interessarti anche

    © Copyright 2020 Amicucci Formazione | P.IVA 01405830439 | Cap. Soc.: Euro 100.000,00 (i.v.) | C.C.I.A.A. (Macerata) | R.E.A. (149815) | Privacy policy | Cookie policy