menu English
Home Soluzioni Chi Siamo Chi ci ha scelto Metodo News Blog Skillario Contatti

BLOG

Notizie e aggiornamenti dal mondo Skilla

HOME / BLOG / La teoria U di Otto Scharmer per reagire alle fasi critiche

24.01.2014

La teoria U di Otto Scharmer per reagire alle fasi critiche

La Teoria U di Otto Scharmer, detta anche Teoria del punto cieco della leadership, è un utile punto di partenza per riflettere sulle modalità grazie alle quali le aziende, e le organizzazioni in genere, reagiscono a momenti di crisi.
Quando una organizzazione aziendale entra in crisi, il buon senso vorrebbe l’attivazione di un cambiamento di strategie, comportamenti, processi organizzativi e stili di leadership; al contrario, però, assistiamo spesso ad un tentativo di risolvere i problemi utilizzando le stesse idee che li hanno creati.

Perché accade tutto questo? Otto Scharmer, professore al MIT di Boston e fondatore del Presencing Institute, dice a riguardo che, finora, leadership e management sono stati ampiamente studiati a livello di prodotto e di processo, ma molto meno a livello di motivazione profonda. Fa l'esempio del pittore, di cui conosciamo bene il quadro (prodotto) e la tecnica pittorica (processo), ma sappiamo assai poco di quanto accade poco prima di affrontare la tela bianca, su cosa spinge il pittore a fare un paesaggio piuttosto che un ritratto o un quadro astratto, una miniatura piuttosto che un grande affresco.
La Teoria U di Scharmer analizza la realtà in modo approfondito, cercando di raggiungere un punto cieco rovesciando il processo usuale con cui si parte dal passato per realizzare un futuro che assomiglia al passato stesso. Il processo di analisi e ricerca scende nel profondo sbarazzandosi delle incrostazioni del passato e delle abitudini, delle idee consolidate e dei pregiudizi, e nel punto cieco trova la vera coscienza di sé, da cui trae la forza per risalire, attratto da un futuro diverso da tutto ciò che si è lasciato nel passato.
Il modello a U è usato nel coaching, nella consulenza organizzativa, nel team building, ma anche a livello individuale. Come dice lo stesso Scharmer, non è niente di nuovo, ma solo la riorganizzazione di idee preesistenti, dallo zen alla psicologia del profondo, dal problem solving strategico alle intelligenze diversificate e agli strumenti di creatività e qualità totale.





Il grafico che sintetizza la teoria mostra come la freccia rossa, che dal passato va verso il futuro, raggiunge un futuro che assomiglia al passato, e così facendo impedisce di arrivare ad un futuro nuovo e diverso, raggiungibile solo liberandosi dalle abitudini consolidate, scendendo nel profondo verso il punto cieco per ripartire verso il futuro di vero rinnovamento, che lo chiama e lo attira a sé. L'atteggiamento di routine è chiamato da Scharmer downloading, a significare che si scaricano nozioni acquisite, esperienze pregresse, idee preconcette, perfino luoghi comuni, e si ascolta solo chi la pensa come noi, senza fare nessuna elaborazione critica originale. È il passato che pretende di proiettarsi in un domani in cui si presume che tutto continui ad andare come prima.
Per raggiungere un vero futuro di cambiamento, in cui problemi attuali e problemi nuovi richiedano soluzioni nuove, bisogna lasciare la comoda strada di superficie, e scendere nel profondo, con un processo di immersione e riemersione dalla tipica forma di U.
Il viaggio attraverso la U si compie con lo sviluppo di sette capacità essenziali di leadership.
  1. Ascoltare (listening). La capacità fondamentale della U è l'ascolto: ascoltare gli altri, se stessi, ciò che emerge dal collettivo. L'ascolto efficace richiede la creazione di uno spazio aperto in cui gli altri possano contribuire al tutto.
  2. Osservare (observing). La capacità di sospendere la "voce del giudizio" è la chiave per muoversi da una propria proiezione ad una vera osservazione. Non si vede solo ciò che si sapeva già, ma si scopre ciò che non si sapeva o che non sembrava pertinente.
  3. Sentire (sensing). Per raggiungere l'esperienza di presencing che si trova nella parte inferiore della U servono tre strumenti: la mente aperta (open mind), il cuore aperto (open heart), e la volontà aperta (open will). Questo processo di apertura non è passivo, è un attivo sentirsi insieme come gruppo. Una mente aperta va oltre il downloading e percepisce la realtà con occhi nuovi e spregiudicati, un cuore aperto ci permette di vedere una situazione nel suo insieme, una volontà aperta ci spinge ad agire per far emergere un nuovo insieme.
  4. Presenziare (presencing). La capacità di collegarsi alla sorgente più profonda di sé e alla propria volontà ci aiuta a lasciar andare (letting go) tutto il risaputo e lo scontato, e permette di lasciar uscire (letting come) il futuro facendolo emergere dall'insieme del sistema piuttosto che da un elemento parziale o da un gruppo di interesse particolare. È come se il futuro tirasse fuori se stesso dal profondo dell'esperienza e attirasse verso di sé come una calamita.
  5. Cristallizzare (crystalizing). Quando un piccolo gruppo di persone chiave per l'organizzazione si impegna allo scopo e ai risultati di un progetto, la potenza della loro intenzione crea un campo di energia che attrae le persone, le opportunità e le risorse che fanno accadere le cose, come nel processo minerale di cristallizzazione. Questo gruppo centrale diventa per tutti gli altri gruppi un veicolo verso il futuro.
  6. Prototipare (prototyping). Scendere lungo il lato sinistro della U richiede al gruppo di aprirsi e affrontare resistenze di pensiero, emozione e volontà, risalire il lato destro richiede l'integrazione di pensiero, sentimento e volontà nel contesto di applicazioni pratiche e di apprendere facendo (learning by doing).
  7. Eseguire (performing). Un eccellente violinista disse una volta che nella cattedrale di Chartres non poteva suonare solo il suo violino, doveva "suonare" l'intero spazio, quello che lui chiamava il "macroviolino", al fine di rendere giustizia sia allo spazio sia alla musica. Allo stesso modo, le organizzazioni devono operare a questo livello macro: hanno bisogno di convocare i giusti set di giocatori (persone in prima linea collegate nella stessa catena del valore) e di avviare una tecnologia sociale che realizzi una unione multi-stakeholder per passare dal discutere al creare insieme il nuovo.
Il Presence Institute è la comunità di teoria e pratica a cui si riferisce la Teoria U.

La Teoria U spinge le persone e le organizzazioni ad avviarsi verso un futuro emergente.



Umberto Santucci
www.umbertosantucci.it




Torna a tutti gli articoli

CERCA NEL BLOG




Kit del formatore digitale

Scarica la mappa con oltre 90 strumenti digitali per innovare la formazione

Ho preso visizione dell'informativa privacy e autorizzo.



TOPICS


Soft skills Performance Management Formazione rete vendita Ambienti e-learning Formazione obbligatoria Intranet Comunicazione interna Reverse Mentoring per le competenze digitali E-learning tecnico Academy aziendali Welcome kit

TOPICS DAI NOSTRI SERVIZI


Formazione multimediale
B
BOOKSHELF
LPL
LEARNING PLAN
PE
PIATTAFORME E-LEARNING
G
GAMIFICATION
PF
PILLOLE FORMATIVE®
PW
PROJECT WORK
S
STORYTELLING
ML
MOBILE LEARNING
LP
LEARNING PATH

Academy Aziendale
A
ARCHITETTURE
AI
AULE INNOVATIVE
DMD
DESIGN MATERIALI DIDATTICI
FF
FORMAZIONE FORMATORI
HD
HDEMIA

Comunicazione interna / intranet
CCI
CAMPAGNE COMUNICAZIONE E INGAGGIO
150
CENTO50
CD
COMPETENZE DIGITALI
CI
CONTENUTI INTRANET
DI
DESIGN INTRANET
E
EVENTI FORMATIVI


ULTIMI ARTICOLI



Feed rss

VUOI MAGGIORI INFO?

CHIAMACI 0733 886401
OPPURE MANDACI UNA EMAIL

Ho preso visione dell’Informativa privacy e autorizzo

il trattamento dei dati per le Finalità di Marketing (Paragrafo C dell’Informativa privacy).

  la comunicazione a terzi dei dati volta al perseguimento delle Finalità di Marketing (Paragrafo C.1 dell’Informativa privacy).