Approfondimenti

Visual thinking: 5 passi per allenarti

La rappresentazione visuale della conoscenza la rende più accessibile e la valorizza migliorando la qualità dell’informazione da trasmettere. (Eppler) Il visual thinking è una tecnica che ci permette di organizzare pensieri, idee e concetti attraverso le immagini, aiutandoci nel processo di apprendimento e di problem solving. Come potenziarla? Fin dall’antichità abbiamo cercato di sperimentare nuove forme e nuovi linguaggi. Dalle incisioni rupestri, siamo arrivati alla comunicazione orale, poi ai primi alfabeti e alla scrittura, e ancora al libro stampato. Negli ultimissimi anni si sta assistendo ad una nuova rivoluzione. La rete è oggi l’ambiente principale dove avviene lo scambio delle informazioni e del sapere. La quantità di dati cresce in modo esponenziale e coinvolge un pubblico sempre più vasto ed eterogeneo. La velocità richiede informazioni lampo, scambi veloci e istantanei. La formazione e la comunicazione hanno bisogno di sintesi: le informazioni chiave devono essere subito evidenziate. I contenuti vanno organizzati in maniera tale che il destinatario possa in pochi secondi avere una visione d’insieme e sapere dove trovare rapidamente le informazioni che cerca. Come comprendere la complessità? Come orientarsi in questo overload di informazioni? Come trovare e selezionare le informazioni giuste? Come individuare le priorità e fare sintesi? Le immagini ridiventano, come in passato, protagoniste della comunicazione e della formazione. Con le immagini infatti possiamo:

  • sintetizzare e chiarire i contenuti per rappresentare concetti, dati, flussi
  • schematizzare procedure complesse, per facilitarne l’apprendimento e la messa in pratica
  • dare una visione d’insieme per orientare
  • riepilogare i contenuti per favorirne la memorizzazione
  • mettere a fuoco la migliore soluzione ad un problema
  • esplorare una situazione analizzandola nel dettaglio (convergenza) e, nello stesso momento, osservarla dall’alto per catturarne l’essenza (divergenza)

Il visual thinking è un impareggiabile risorsa per l’apprendimento, per la sua capacità di sfruttare il potere dell’immaginazione. Ecco 5 passi per allenarti a “pensare per immagini”:

  1. Focalizza quello che vuoi comunicare e fissa la tua idea sulla carta con un semplice disegno.
  2. Raccogli tutte le informazioni e organizzale in categorie, definendo una gerarchia, un ordine di lettura.
  3. Assegna il ruolo di protagonista ad alcune parole e immagini. Ricorda che la parola descrive, l’immagine rappresenta.
  4. Dai emozione, cattura l’attenzione con le regole base del graphic design, della fotografia, del cinema. Affidati alle tue intuizioni, lasciati trascinare dalla creatività.
  5. Assicurati che la tua rappresentazione sia a tutti comprensibile, ovvero che non abbia bisogno di ulteriori spiegazioni. Deve parlare da sé!

Questa tematica è stata affrontata nel posterLab n. 27: “visual thinking ed infografiche dinamiche”.

Pietro Moroni

Scritto da: Pietro Moroni il 1 Settembre 2016

Compila il form e contattaci,
sei solo a un passo dall’iniziare.

    Ho preso visione dell’Informativa privacy e autorizzo

    contattaci

    Potrebbe interessarti anche

    © Copyright 2020 Amicucci Formazione | P.IVA 01405830439 | Cap. Soc.: Euro 100.000,00 (i.v.) | C.C.I.A.A. (Macerata) | R.E.A. (149815) | Privacy policy | Cookie policy