Approfondimenti

Scopri i 4 consigli del modello VIEW per fare eLearning sulle procedure

Cosa hanno in comune un piatto riuscito male e un ragazzo che si è perso a un incrocio di una grande città? Entrambi hanno un problema con la procedura. Una procedura infatti è come una ricetta che possiamo applicare alla risoluzione di un problema definendo fasi, tempi di lavorazione, attori, risorse coinvolte e modalità di comportamento. La procedura è come una mappa che ci aiuta a non perderci nel crocevia delle attività e delle informazioni quotidiane. Pensate ora a delle procedure presenti nella vostra organizzazione e cercate di ricordare come le avete apprese. La maggior parte di esse vengono assimilate con l’esperienza diretta o tramite il confronto con i colleghi. In altri casi invece si utilizza la documentazione di riferimento, che spesso però è molto articolata e difficile da comprendere, perché sostanzialmente le mancano intuitività e capacità di fornire una visione d’insieme. Se è così che stanno le cose, possono esserci d’aiuto la comunicazione e la formazione. La prima può avvalersi di 4 semplici consigli, presi in prestito dal metodo VIEW:

Visual – visualizza, schematizza

Iconic – usa icone e immagini a supporto

Easy – riassumi, semplifica, sintetizza

Wondrous – divergi, stupisci, cura la bellezza

Le procedure aziendali possono essere rappresentate come una sequenza di operazioni e di fasi da seguire in progressione. Questi step operativi risultano particolarmente efficaci quando vengono illustrati con la tecnica del visual thinking. Come è stato anticipato la formazione costituisce il secondo elemento utile per rendere le procedure facilmente assimilabili. Grazie ad essa infatti si moltiplicano le possibilità di esercitazioni e simulazioni. Ma, ciò nonostante, potrebbe continuare a persistere un problema di carattere metodologico: recepire una procedura per intero, in una sola volta, non è propriamente utile ai fini dell’apprendimento. La frammentazione, al contrario, ci aiuta a rendere ogni operazione più comprensibile e in fin dei conti anche a capirne in pieno il significato in un’ottica più grande. Associamo a ciascuno step una definizione e una descrizione, le attività interattive e i test volti a simulare al meglio la realtà a tal fine ci sarà molto utile il modello TRAIN:

Talk – chiedi, confrontati

Redefine – definisci e ridefinisci, riformula

Apply – metti in pratica

Iterate – ripeti

Normalize – metti a sistema quanto appreso!

Un percorso ben progettato di comunicazione e formazione multimediale sulle procedure, ci aiuta a:

  1. orientare e dare una visione d’insieme dei diversi step
  2. esercitarci all’uso della procedura, rendendo automatica la sua applicazione.

Questa tematica è stata affrontata nel posterLab n. 19: “eLearning su processi e procedure aziendali”

Paolo Limoncelli

Scritto da: Paolo Limoncelli il 29 Novembre 2016

Compila il form e contattaci,
sei solo a un passo dall’iniziare.

    Ho preso visione dell’Informativa privacy e autorizzo

    contattaci

    Potrebbe interessarti anche

    © Copyright 2020 Amicucci Formazione | P.IVA 01405830439 | Cap. Soc.: Euro 100.000,00 (i.v.) | C.C.I.A.A. (Macerata) | R.E.A. (149815) | Privacy policy | Cookie policy