menu English
Home Soluzioni Chi Siamo Chi ci ha scelto Metodo News Blog Skillario Contatti

BLOG

Notizie e aggiornamenti dal mondo Skilla

HOME / BLOG / skillaLibrary+ è l’innovazione formativa del 2017: ecco perché

15.02.2017

skillaLibrary+ è l’innovazione formativa del 2017: ecco perché

skillaLibrary+ è l’innovazione formativa del 2017: ecco perché
Il mondo del lavoro presenta nuove sfumature che coinvolgono direttamente le persone: mobilità continua, mentale e fisica, complessità e diversità gerarchica e relazionale, necessità di immergersi in contesti e progetti sempre nuovi, continue occasioni di interagire con diversità culturali e generazionali. Questi fattori richiedono una risposta formativa nuova e più efficace rispetto ai tradizionali modelli d’aula e di eLearning.
È richiesta una formazione in grado di adeguare le persone, sul piano professionale ed emotivo, ai grandi e continui cambiamenti e soprattutto alla complessità crescente degli ambienti organizzativi e sociali.

Il lavoro di Amicucci Formazione, supportato da un’intensa attività di ricerca con partner universitari ed oltre 1.300 progetti formativi sviluppati nei 15 anni della sua storia, ha prodotto nuovi modelli formativi e linguaggi: Pillole Formative®, LearningPath, Software del Pensiero, sono solo alcuni dei format originali divenuti ormai lessico comune nel settore. Il metodo Skilla è il punto di riferimento per la formazione in Italia sui temi del Blended Learning, Adaptive Learning ed Open Badge. 
Con i due eventi exploring eLearning 2015 e 2016, che hanno visto complessivamente la partecipazione di 860 formatori delle principali organizzazioni italiane, si sono esplorate le principali innovazioni della formazione in atto e in divenire.

L’innovazione del 2017, che mette a frutto la migliore esperienza di questi anni, è rappresentata da skillaLibrary+
 
 
Cos’è skillaLibrary+?

  1. È prima di tutto una grande library online, con centinaia di corsi in Pillole Formative®, oltre 3.000 oggetti di formazione in Micro Learning, decine di LearningPath (in grado di rispondere ai bisogni formativi di tutte le aree aziendali e di tutti i processi HR. Oltre a coprire le tradizionali necessità aziendali sui temi del comportamento organizzativo, delle soft skill, degli economics di base e della qualità, la Library skilla risponde all’esigenza emergente di nuove competenze digitali.
  2. Con skillaLibrary+ Amicucci Formazione lancia due nuovi ed esclusivi strumenti per la funzione HR, i formatori aziendali e i gestori delle Academy o Corporate University: Smart Academy e Happy Learning. Happy Learning aiuta i progettisti ad utilizzare al meglio skillaLibrary+; guide per la costruzione di LearningPath, consigli e suggerimenti per il supporto alla progettazione ed al lancio dei percorsi blended, webinar di supporto, assistenza in presenza affinché gli utenti siano coinvolti e motivati all’autoformazione ed il progetto sia di sicuro successo.
  3. Smart Academy consiste in una moltitudine di risorse per l’aggiornamento e la formazione dei formatori e dei progettisti delle Academy, per i quali sono messi a disposizione specifici LearningPath ed un eMagazine che, con cadenza quindicinale, offre format, template, infografiche, schede operative per fornire strumenti pratici e metodi su tematiche che variano ogni mese (es. la gestione di webinar).
  4. I formatori aziendali avranno a disposizioni tool per progettare (Learning Plan), per rendere più coinvolgenti le aule e l’eLearning, per coinvolgere gli utenti in progetti di miglioramento continuo.
    Un servizio per accompagnare le strutture di education aziendali all’innovazione dei sistemi di apprendimento e per fornire strumenti in grado di rendere più efficace il proprio servizio (verso gli utenti) e aumentare la percezione del valore delle proprie attività (verso il management aziendale).
 
Un nuovo modello di apprendimento, più efficace

Tutti contenuti della Library skilla sono basati sulla cultura del micro learning. Con questa modalità tutte le forme di conoscenza sono rappresentate in unità minime, auto-consistenti, dotate di senso compiuto, combinabili con altri oggetti per creare nuovi significati e forme di conoscenza e veicolabili in diversi e molteplici spazi digitali all’interno dell’ecosistema di apprendimento.

È questa granularità che permette la “liquidità della formazione” adattabile agli spazi e ai tempi delle persone e dell’organizzazione, capace di destrutturare i modelli classici, lineari, solidi, separati nel tempo e nello spazio della vita organizzativa ed aprire la strada ad una nuova sperimentazione didattica, specifica per l’era digitale. Viene in questo modo garantita una formazione permanente, integrata con la quotidianità del lavoro, molto più efficace perché interviene dove serve, quando serve, a chi serve.

Il corso eLearning, evolve quindi in biblioteche di oggetti scomposti in micro learning object, componibili all’infinito in percorsi sempre differenti. Non più cataloghi e corsi d’aula, ma LearningPath, esperienze di apprendimento individuali e comunitarie ricche di stimoli, significati, passioni. Sarà ciascuna persona all’interno dell’organizzazione, moderno nomade della conoscenza, a decidere percorsi, tappe, quante volte e come attraversare e riattraversare i nuovi paesaggi della conoscenza per cogliere le opportunità dei nuovi mondi organizzativi e non sentirsi sopraffatto.

Infine, l’innovazione del linguaggio viene ottenuta attraverso un processo di innovazione continua, non più noiosi e pensanti corsi eLearning, ma esperienze piacevoli e coinvolgenti:
  • massima esemplificazione di ogni contenuto, attraverso un linguaggio semplice, la schematizzazione visiva, il continuo ancoraggio alle esperienze vissute;
  • leggerezza, piacere, humour. Attraverso queste modalità, alla base dell’ideazione dei contenuti, l’apprendimento viene facilitato, perché associato a stimoli piacevoli. Con un pizzico di umorismo si abbattono resistenze e si superano paure;
  • progettazione molto rigorosa, con una cura approfondita dei messaggi formativi, del ritmo della presentazione di tutti gli oggetti e del coordinamento degli stessi;
  • molteplicità degli stimoli e coerenza dei contenuti. Alla varietà degli stimoli (filmati, immagini, testi, audio…) e dei canali sensoriali coinvolti (uditivo, visivo, tattile) si accompagna la massima coesione della forma e coerenza degli argomenti;
  • coinvolgimento emotivo. La creazione dello stupore e della sorpresa, un pizzico di trasgressione, l’ancoraggio all’esperienza concreta, coinvolgono l’utente e ne catturano l’attenzione;
  • memorizzazione dei contenuti, facilitata da modalità di presentazione che coinvolgono tutti i canali sensoriali, dall’utilizzo di metafore e dal coinvolgimento emotivo.
 
 
Scarica la brochure di presentazione di skillaLibrary+






Scopri di più su slideshare



Franco Amicucci




 

Torna a tutti gli articoli

CERCA NEL BLOG




Kit del formatore digitale

Scarica la mappa con oltre 90 strumenti digitali per innovare la formazione

Ho preso visizione dell'informativa privacy e autorizzo.



TOPICS


Soft skills Performance Management Formazione rete vendita Ambienti e-learning Formazione obbligatoria Intranet Comunicazione interna Reverse Mentoring per le competenze digitali E-learning tecnico Academy aziendali Welcome kit

TOPICS DAI NOSTRI SERVIZI


Formazione multimediale
B
BOOKSHELF
LPL
LEARNING PLAN
PE
PIATTAFORME E-LEARNING
G
GAMIFICATION
PF
PILLOLE FORMATIVE®
PW
PROJECT WORK
S
STORYTELLING
ML
MOBILE LEARNING
LP
LEARNING PATH

Academy Aziendale
A
ARCHITETTURE
AI
AULE INNOVATIVE
DMD
DESIGN MATERIALI DIDATTICI
FF
FORMAZIONE FORMATORI
HD
HDEMIA

Comunicazione interna / intranet
CCI
CAMPAGNE COMUNICAZIONE E INGAGGIO
150
CENTO50
CD
COMPETENZE DIGITALI
CI
CONTENUTI INTRANET
DI
DESIGN INTRANET
E
EVENTI FORMATIVI


ULTIMI ARTICOLI



Feed rss

VUOI MAGGIORI INFO?

CHIAMACI 0733 886401
OPPURE MANDACI UNA EMAIL

Ho preso visione dell’Informativa privacy e autorizzo

il trattamento dei dati per le Finalità di Marketing (Paragrafo C dell’Informativa privacy).

  la comunicazione a terzi dei dati volta al perseguimento delle Finalità di Marketing (Paragrafo C.1 dell’Informativa privacy).