menu English
Home Soluzioni Chi Siamo Chi ci ha scelto Metodo News Blog Skillario Contatti

BLOG

Notizie e aggiornamenti dal mondo Skilla

HOME / BLOG / Formazione obbligatoria: è possibile creare corsi eLearning non soporiferi?

17.05.2017

Formazione obbligatoria: è possibile creare corsi eLearning non soporiferi?

Formazione obbligatoria: è possibile creare corsi eLearning non soporiferi?
Nelle grandi organizzazioni di tutti i settori la formazione obbligatoria è tipicamente quella in materia di salute e sicurezza, la formazione sul codice della Privacy e quella sul D.Lgs. 231.
Vari vincoli, dovuti sia alla natura dei contenuti, sia ad alcuni requisiti della normativa stessa, portano tali corsi ad avere una durata anche superiore alle 4 ore; di conseguenza una delle lamentele più frequenti da parte dei fruitori è la lunghezza e quindi la "pesantezza" di tali iniziative formative.
In un precedente articolo abbiamo spiegato come "Il carattere “obbligatorio” della formazione ci porta a pensare ad una formazione focalizzata sui freddi contenuti di una normativa" e abbiamo proposto alcune regole d'oro per rendere coinvolgenti tali attività.
Ma cosa fare per rendere piacevole la parte espositiva di queste lezioni? Ci sono delle buone pratiche per rendere più "leggero" l'ascolto dei moduli in cui vengono presentati concetti e procedure?
Ecco 3 buone pratiche:

Collegamento a situazione concrete
Non c'è niente di peggio di una lezione che rimane esclusivamente sul piano generale. I partecipanti devono sempre sapere come ciò che stanno per apprendere si collega alla vita di tutti i giorni. Dobbiamo far capire "a cosa serve" tale formazione con un collegamento a situazioni concrete, magari con animazioni, attori o persino con un linguaggio informale o ironico. Nei nostri corsi deve essere sempre chiara la risposta alla seguente domanda: dove si applicano le nozioni del prossimo modulo?

Dare informazioni pratiche e concrete
La maggior parte dei corsi di formazione obbligatoria hanno lunghe introduzioni sul quadro normativo e un’abbondanza di definizioni. I partecipanti hanno l'impressione di non apprendere qualcosa di davvero utile per loro. Gli obiettivi formativi di ogni modulo devono essere sempre ricchi di "saper fare", non solo di "sapere". Qual è la conseguenza pratica di ciò che è stato appena spiegato?

Scegliere intelligentemente i linguaggi multimediali
Stare di fronte al computer, ascoltando una voce monotona che per 4 ore commenta delle slide ricche di testo e con qualche immagine, non è il contesto ideale per apprendere qualcosa. Diamo ritmo alle nostre lezioni con un linguaggio informale e alterniamo l'uso di vari linguaggi multimediali: filmati, esercizi, cartoni animati, animazioni, ecc...


Marco Amicucci



0 Commenti - Pubblicato in AMBIENTI E-LEARNING - FORMAZIONE OBBLIGATORIA

Torna a tutti gli articoli


SCRIVI UN COMMENTO

Leave this empty:



COMMENTI

Nessun commento presente
Torna a tutti gli articoli

CERCA NEL BLOG




Kit del formatore digitale

Scarica la mappa con oltre 90 strumenti digitali per innovare la formazione

Ho preso visizione dell'informativa privacy e autorizzo.


TOPICS


Soft skills Performance Management Formazione rete vendita Ambienti e-learning Formazione obbligatoria Intranet Comunicazione interna Reverse Mentoring per le competenze digitali E-learning tecnico Academy aziendali Welcome kit

TOPICS DAI NOSTRI SERVIZI


Formazione multimediale
B
BOOKSHELF
LPL
LEARNING PLAN
PE
PIATTAFORME E-LEARNING
G
GAMIFICATION
PF
PILLOLE FORMATIVE®
PW
PROJECT WORK
S
STORYTELLING
ML
MOBILE LEARNING
LP
LEARNING PATH

Academy Aziendale
A
ARCHITETTURE
AI
AULE INNOVATIVE
DMD
DESIGN MATERIALI DIDATTICI
FF
FORMAZIONE FORMATORI
HD
HDEMIA

Comunicazione interna / intranet
CCI
CAMPAGNE COMUNICAZIONE E INGAGGIO
150
CENTO50
CD
COMPETENZE DIGITALI
CI
CONTENUTI INTRANET
DI
DESIGN INTRANET
E
EVENTI FORMATIVI


ULTIMI ARTICOLI



Feed rss

VUOI MAGGIORI INFO?

CHIAMACI 0733 886401
OPPURE MANDACI UNA EMAIL

Ho preso visione dell’Informativa privacy e autorizzo

  * il trattamento dei dati per le Finalità di Marketing (Paragrafo C dell’Informativa privacy).

  la comunicazione a terzi dei dati volta al perseguimento delle Finalità di Marketing (Paragrafo C.1 dell’Informativa privacy).